Denuncia Inizio Attività - DIA

 

Il proprietario o chi abbia titolo deve presentare, 30 giorni prima dell’inizio delle opere, la comunicazione di Denuncia di Inizio Attività allegando ad essa la Relazione Tecnica Asseverata da un tecnico abilitato nella quale vengono esplicitate tutte le opere da realizzare e i Nulla Osta rilasciati dagli Enti competenti se le stesse sono sottoposte a vincolo.
Alla domanda va allegata tutta la documentazione necessaria richiesta dal Comune.

DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLE DOMANDE FIRMATA DA: COMMITTENTE, PROGETTISTA, DIRETTORE LAVORI, IMPRESA ESECUTRICE DELLE OPERE, INDICANTE:

  1. copia del titolo di proprietà, completo degli estremi di registrazione e trascrizione, e/o delega da parte del proprietario all’esecuzione delle opere;
  2. certificato di iscrizione all’Albo degli imprenditori agricoli, secondo disposizioni L.R. 07.06.80 n°93 per interventi in zona agricola;
  3. la nomina del Direttore dei Lavori (architetto, geometra, ingegnere o perito edile iscritto al proprio Albo o Ordine Professionale);
  4. la nomina dell’impresa costruttrice per l’esecuzione delle opere;
  5. la nomina della discarica autorizzata nella quale verranno depositati i materiali di risulta, ai sensi delle disposizioni del DPR 10.09.82 n° 915 e da Ordinanza Sindacale 1/96 del 06.03.96.
  6. estremi della Licenza Edilizia, Permesso di Costruire, Condono Edilizio relativi alla costruzione o ampliamento del fabbricato;
  7. schede catastali con destinazione d’uso attuali;
  8. copia atto, registrato e trascritto, di vincolo alla volumetria assentibile alla necessaria superficie per impedire l’ulteriore utilizzo di quest’ultima;
  9. convenzione registrata con il titolare del fondo finitimo per deroga alla distanza dal confine;
  10. impegnativa, registrata e trascritta, di rinuncia al maggior indennizzo in caso di esproprio, essendo l’immobile vincolato dal PRG ad uso pubblico;
  11. atto registrato e trascritto di vincolo pertinenziale del box auto alla relativa unità immobiliare ai sensi dell’art.5.14.2 delle N.T.A. adottate D.C.C. n°28 del 06/04/98 e Legge n°122 del 24/03/89;
    scheda ISTAT.

DOCUMENTAZIONE GRAFICA FIRMATA DA: COMMITTENTE, PROGETTISTA, DIRETTORE LAVORI, IMPRESA ESECUTRICE DELLE OPERE INDICANTE:

  1. relazione tecnica descrittiva delle opere contenente anche calcolo analitico planovolumetrico e verifica dei parametri urbanistici (densità edilizia, superficie coperta, utilizzazione fondiaria o territoriale, ecc.) in base alle prescrizioni urbanistico edilizie vigenti ed adottate;
  2. documentazione fotografica particolareggiata dello stato di fatto;
  3. estratto di mappa catastale indicante numeri di mappa, foglio e Sezione Censuaria, esteso per un raggio di almeno 200 metri oltre i confini del fondo;
  4. estratto del piano regolatore vigente, esteso per un raggio di almeno 200 metri oltre i confini del fondo;
  5. rilievo del terreno, comprendente le relative quote altimetriche, indicando la quota 0.00 in un punto riconoscibile, accessibile e verificabile in ogni momento durante i lavori, in scala adeguata, 1:100/1:200/1:250/1:500, con allegata dichiarazione del progettista o del tecnico rilevatore abilitato, sotto forma di perizia giurata, della conformità delle dimensioni, nonché dei calcoli effettuati;
  6. rilievo e relazione geologica in scala 1:2000/1:1000/1:500/1:200/1:100;
  7. planimetria d’assieme dell’area in scala 1:200/1:100/1:50 indicante: ingombro del fabbricato, orientamento, larghezze stradali, distanze dai confini e dai fabbricati limitrofi, nonché le altezze degli edifici stessi, arredo a verde, pavimentazioni, parcheggi ecc.;
  8. rilievo quotato dello stato dei luoghi con indicate le destinazioni attuali (piante, prospetti e sezioni) in scala 1:100/1:50;
  9. tavole grafiche riportanti le colorazioni degli interventi previsti (giallo e rosso) in scala 1:100/1:50;
  10. piante di progetto, di tutti i piani, quotate con indicate le destinazioni, le superfici utili, ed i rapporti aeroilluminanti dei singoli locali in scala 1:100/1:50;
  11. sezioni di progetto quotate estese ai terreni pertinenti, ai confini ed alle eventuali strade adiacenti, indicando la quota 0.00 in un punto riconoscibile, accessibile e verificabile in ogni momento durante i lavori, in scala 1:100/1:50;
  12. prospetti di progetto di tutte le pareti esterne, in scala 1:100/1:50;
  13. particolari costruttivi in scala 1:10/1:20 con indicazione dei colori e materiali utilizzati;
  14. adeguata campionatura compositiva dei colori (cm.20 x 30);
  15. computo metrico estimativo ex art.4 L.R. 60+61/77;
  16. computo metrico estimativo ex art.4 L.R. 60+61/77per le opere realizzate abusivamente ex art.13 L 47/85;
  17. richiesta di allacciamento alla rete fognaria, con schema delle fognature delle acque bianche e nere redatto secondo le modalità previste dalla Legge Regionale n°62/85, contenente il tracciato fino all’allacciamento comunale ed allegate caratteristiche tecniche dei singoli elementi costruttivi;
  18. tabella con calcolo della superficie netta dei singoli vani dell’intero edificio indicando le caratteristiche particolari per compilazione prospetto ex D.M. 10.05.77;
  19. progetto e documentazione prescritta dalla L. n. 46/90 (norme per la sicurezza degli impianti); se non dovuti allegare dichiarazione sostitutiva attestante la non obbligatorietà in base alle disposizioni della stessa normativa;
  20. progetto e documentazione, prescritta dalla L. n. 10 del 09/01/91 e regolamento di esecuzione, con allegata dichiarazione di presentazione della stessa, prima dell’inizio dei lavori; se non dovuti allegare dichiarazione sostitutiva attestante la non obbligatorietà in base alle disposizioni della stessa normativa;
  21. denuncia delle opere in Cemento Armato ed a struttura metallica, ai sensi della L. 05.11.1971 n. 1086 e successive modifiche; se non dovuta allegare dichiarazione sostitutiva attestante la non obbligatorietà in base alle disposizioni della stessa normativa;
  22. progetto e documentazione prescritta da: L.13/89, D.M.236/89, L.R.6/89 e successive (norme per l’abbattimento delle barriere architettoniche);
  23. Autorizzazione del Servizio Beni Ambientali Regionale, essendo l’immobile vincolato ai sensi del D. Lgs n° 490/99;
  24. Nulla Osta della Soprintendenza ai Beni Monumentali ed Architettonici della Regione Lombardia, essendo l’immobile vincolato ai sensi del D. Lgs. 490/99;
  25. Nulla Osta della Soprintendenza Archeologica della Regione Lombardia;
  26. Nulla Osta Ente proprietario della Strada;
  27. Nulla Osta Ente proprietario della Ferrovia;
  28. Nulla Osta del Comando Provinciale del Corpo Vigili del Fuoco ai fini della prevenzione degli incendi;
  29. dichiarazione di responsabilità per la Prevenzione incendi, ai sensi DM 16.02.1982 (G.U. n° 98 del 09.04.1982).

Adempimenti

I campi di applicazione della DIA sono i seguenti:

  • Varianti a permessi di costruire;
  • Interventi di ristrutturazione edilizia;
  • Nuove Costruzioni;
  • Interventi di ristrutturazione urbanistica;
  • Manutenzioni Straordinarie;
  • Demolizioni.

che non siano in contrasto con vincoli o impedimenti, relativi agli immobili sui quali gli stessi devono essere eseguiti, quando il Comune riscontra l'assenza delle condizioni prescritte per la fattibilità di opere mediante la denuncia di inizio attività, notifica agli interessati l'ordine motivato di non effettuare le progettate trasformazioni.

Nel caso in cui gli immobili:

  • siano sottoposti al D. Lgs. 490/99 ("tutela delle cose d'interesse artistico e storico");
  • siano sottoposti al D. Lgs. 490/99 ("protezione delle bellezze naturali");
  • siano sottoposti alla legge n. 394/1991 ("legge quadro sulle aree protette");
  • siano sottoposti a disposizioni immediatamente operative dei piani paesistici regionali (D.L. n. 312/1985, convertito in legge n. 431/1985 ora D. Lgs. 490/99);
  • siano sottoposti alla legge n. 183/1939 ("norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo");
  • siano comunque assoggettati dagli strumenti urbanistici a discipline espressamente volte alla tutela delle loro caratteristiche paesaggistiche, ambientali, storico-archeologiche, storico-artistiche, storico-architettoniche e storico-testimoniali;
  • siano oggetto di prescrizioni di vigenti strumenti urbanistici di pianificazione, nonché di programmazione, immediatamente operative e le trasformazioni progettate non siano in contrasto con strumenti adottati.

La realizzazione di interventi è subordinata al preventivo rilascio del parere o della autorizzazione richiesti dalle relative previsioni normative.

Costi

  1. La denuncia di inizio di attività è soggetta al pagamento del diritto comunale di segreteria, DEFINIZIONE DIRITTI;
  2. Nel caso in cui la denuncia è soggetta al pagamento degli oneri di urbanizzazione, si dovrà allegare il calcolo dell’importo degli oneri di urbanizzazione e del costo di costruzione. Gli uffici provvederanno al controllo degli importi, a cui seguirà la presa d’atto e l’invito al pagamento.

SANZIONI

L’esecuzione di opere in assenza della o in difformità della D.I.A. comporta una sanzione pari al doppio dell’aumento del valore venale dell’immobile conseguente alla realizzazione delle opere stesse e comunque in misura non inferiore ad euro 516,00.
In caso di denuncia di inizio attività effettuata quando le opere sono già in corso di esecuzione la sanzione si applica nella misura minima.
La mancata denuncia di inizio attività non espone a sanzioni penali.

Tempi

La denuncia di inizio di attività va presentata 30 giorni prima dell'inizio dei lavori.

VALIDITA'

La Denuncia di Inizio Attività ha validità per 3 anni. L'interessato ha l'obbligo di comunicare al Comune, con particolare riferimento alla Denuncia di Inizio Attività, la data di ultimazione dei lavori, allegando alla stessa il certificato di collaudo finale con il quale il progettista attesta la conformità dell'opera al progetto. Nel caso in cui si verificano difformità tra le opere realizzate e le dichiarazioni contenute nella D.I.A., l'amministrazione comunale commina sanzioni amministrative specifiche. Nel caso di falsità della dichiarazione, l'amministrazione comunale ne dà notizia all'autorità giudiziaria ed all'ordine professionale del tecnico che ha sottoscritto l'asseverazione;

Note

La denuncia va necessariamente corredata da apposita relazione tecnica del progettista dei lavori, la quale deve asseverare (e per questo il progettista assume la condizione funzionale di esercente servizio di pubblica necessità) la conformità delle opere da realizzare agli strumenti urbanistici adottati o approvati, ai regolamenti edilizi, nonché il rispetto delle norme di sicurezza e igienico-sanitarie. Gli uffici del comune, secondo le rispettive competenze, verificano la conformità del progetto alla normativa vigente, compresa la regolamentazione urbanistica comunale. 

RINNOVO

Per le opere non completate va ripresentata dopo i tre anni un’altra denuncia di inizio attività.
Per le opere di variante va ripresentata nuova denuncia di inizio attività, indicando gli interventi che si intende cambiare; la nuova denuncia non proroga i termini della fine lavori che resterà dopo 36 mesi dal primo inizio di attività.

Settore di riferimento

AREA EDILIZIA PRIVATA ED URBANISTICA

Responsabile

Roberto Baga

Sede

P.zza Garibaldi 19 25080 Manerba del Garda

Livello di informatizzazione

Download modulistica. Disponibili on-line da scaricare i moduli necessari ad avviare la procedura che porta allerogazione del servizio

Livello di informatizzazione futura

Download modulistica. Disponibili on-line da scaricare i moduli necessari ad avviare la procedura che porta allerogazione del servizio

Tempi di attivazione del servizio online

Non appena possibile, in base alle disponibilità di bilancio, alle limitazioni imposte dalla spending review e a quelle necessarie per rispettare il patto di stabilità, verrà quantificato il tempo necessario per l'attivazione del servizio on line del presente procedimento.

Allegati

Modello Semplificato per l'Edilizia

Note: Scarica

Data di aggiornamento scheda

07/04/2016

Risultati delle indagini di customer satisfaction

Dal giugno 2010 la Provincia sta monitorando il grado di soddisfazione manifestato dagli utenti circa i servizi offerti, al fine di migliorare gli stessi. I dati riferiti agli ultimi 12 mesi sono consultabili cliccando sul link "consulta le statistiche degli ultimi 12 mesi" all'interno del box che si trova in fondo a questa pagina dedicato all’iniziativa "Mettiamoci la faccia" promossa dal Dipartimento della Funzione Pubblica.

Mettiamoci la faccia

esprimi il tuo giudizio sul servizio
premendo uno dei simboli colorati

indica il motivo principale della tua insoddisfazione premendo su uno dei pulsanti

Grazie per il tuo voto. Arrivederci.

Hai già votato per questo servizio. Arrivederci.
Consulta le statistiche degli ultimi 12 mesi